Fast fashion, ecopellicce e fibre biocompatibili. Cosa ne pensa l’ambiente del mondo della moda